Vuelta 2018 18°tappa Ejea de los Caballeros – Lleida: il pronostico e dove vederla, giovedì 13 settembre 2018 ore 13.08

Vince Woods su Teuns, nei 10 De Marchi e Nibali

Il canadese, in mezzo a una nebbia fitta tipica di queste zone (ma prevalente in altre stagioni), inserisce il rapporto giusto andando a tagliare il traguardo in perfetta solitudine. In un’annata sino ad ora priva di successi ma con risultati di prestigio come la piazza d’onore alla Liège-Bastogne-Liège o il secondo posto a Caltagirone al Giro d’Italia, l’ex runner trentunenne conquista la prima gioia della carriera in Europa. Per il suo Team EF Education First-Drapac, solitamente poco avvezza ai trionfi, è la seconda tappa conquistata dopo quella di Simon Clarke.

Seconda piazza a 5″ per Dylan Teuns (BMC Racing Team), sempre più convincente anche a livello di recupero. Terzo a 10″ David De la Cruz (Team Sky), quarto a 13″ Rafal Majka (Bora Hansgrohe), quinto a 38″ Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin). Ottima sesta piazza a 44″ per Alessandro De Marchi (BMC Racing Team), quindi seguono Amanuel Gebreigzabhier (Team Dimension Data) a 48″, Jesús Herrada (Cofidis, Solutions Crédits) a 51″ e Jai Hindley (Team Sunweb) a 55″. Completa la top 10 a 1’48” Vincenzo Nibali (Bahrain Merida).

Rispetto ai rivali Simon Yates lascia sul piatto 8″ secondi mentre Miguel Ángel López, ripresosi negli ultimi metri, perde 10″. Decisamente peggio va agli altri: Steven Kruijswijk e Nairo Quintana pagano 1’04” su Mas e Valverde mentre Ion Izagirre passa dopo 1’13”. Il ritardo di Rigoberto Urán è di 1’29”, quello di Tony Gallopin è di 1’30” quindi a seguire Emanuel Buchmann cede 1’57”, Wilco Kelderman 2’15” mentre Thibaut Pinot addirittura 2’46”.

La classifica generale vede ancora in testa Simon Yates con 25″ su Alejandro Valverde, unico a rimanere entro il giro di orologio dal britannico. Sale al terzo posto a 1’22” un Enric Mas scintillante, quindi Miguel Ángel López è quarto a 1’36”. Seguono Steven Kruijswijk a 1’48”, Nairo Quintana a 2’11”, Ion Izagirre a 4’09”, Rigoberto Urán a 4’36”, Thibaut Pinot a 5’31” e Tony Gallopin a 6’05”

Non c’è molto da segnalare in questa frazione di tranquillo trasferimento prima del dittico andorrano. Dopo più di una settimana si vedranno quasi certamente gli sprinter lottare per il successo di tappa in un percorso praticamente piatto. La seconda metà di corsa, caratterizzata da lunghi rettilinei, attraversa zone che nel tardo pomeriggio sono abbastanza ventose.

La corsa verrà trasmessa tutti i giorni da Eurosport

Elia Viviani è il nostro favorito numero uno per la diciottesima tappa , a seguire Peter Sagan e Danny Van Poppel. Le due sorprese? Gli italiani Nizzolo e Trentin.

(Visited 5 times, 1 visits today)